Le nostre iniziative nel 2011

Nel corso di quest’anno abbiamo visitato insieme molti luoghi di grande interesse.

In questa pagina trovate tutte le nostre iniziative del 2011. Se vi farà piacere, qualcuna potrà essere riproposta ancora in futuro.

Vi ricordiamo che è possibile consultare  l’elenco completo delle visite di Genova Insieme!

MARZO 2011

I CARUGGI PIU’ NASCOSTI TRA BANCHI E CAMPETTO E PALAZZO  IMPERIALE

Un itinerario attraverso vicoli meno frequentati ma molto interessanti, la cui toponomastica cela storie del passato, quali  Vico  Conservatori dei  Mari, Vico Indoratori, Vico Ragazzi ecc. A Campetto, l’antico campo dei fabbri, conosceremo una  singolare attività, “Liguria Style”, che occupa le sale, fastosamente affrescate da L. Cambiaso e dal Bergamasco, del Palazzo di Vincenzo Imperiale. Uno splendido esempio di residenza aristocratica e, insieme, un museo-negozio dove espongono i migliori artigiani della nostra Regione.Piccola degustazione gratuita di prodotti tipici.

PALAZZO SAN GIORGIO E LA MOSTRA “RAFFAELE RUBATTINO: UN ARMATORE GENOVESE E L’UNITA’ D’ITALIA”

La mostra “Raffaele Rubattino” presenta la  figura del patriota e illustre cittadino genovese, fondatore dell’armamento commerciale a vapore. Con un allestimento molto piacevole segue  la storia della marineria a vapore italiana e, per la prima volta, mostra il tesoro del piroscafo Polluce, speronato nel 1841 e portato alla luce recentemente. L’esposizione è allestita nell’interessantissimo Palazzo San Giorgio, di cui sono visibili la Sala del Capitano e il cortile, ambienti suggestivi di origine duecentesca, ma trasformati nell’Ottocento da A. D’Andrade in gusto neo-medievale.Appuntamento presso ingresso Palazzo San Giorgio, lato mare.

VILLA MARIGOLA, LERICI E CASTELNUOVO MAGRA

Visita ai fantastici giardini all’inglese di Villa Marigola, sul promontorio che separa le due insenature di Lerici e di San Terenzo, da cui si dominano  il Golfo dei Poeti, Portovenere e la Palmaria. La villa ospitò in passato personalità internazionali, quali l’artista svizzero Böklin e l’Imperatrice Vittoria di Sassonia. Gli interni della palazzina saranno visitabili solo se non ospiteranno convegni. A seguire scopriremo il bel centro storico di Lerici, dominato dall’imponente castello pisano-genovese. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita guidata al borgo di Castelnuovo Magra, noto per il castello duecentesco, dove Dante Alighieri, procuratore dei Malaspina, concluse una pace col vescovo di Luni. Degustazione di prodotti tipici.

VILLA ROSAZZA “DELLO SCOGLIETTO”

La Villa, oggi sede  di “Casa America”, fu edificata alla metà del Cinquecento per Ambrogio Di Negro, Doge tra il 1585 e il 1587 e fu parzialmente trasformata in senso neoclassico da A. Tagliafichi per Gian Luca Durazzo alla fine del Settecento. Interessanti le decorazioni  e il pregevole ninfeo, di ottima fattura.

LA CHIESA DI SAN PIETRO A QUINTO E IL MONASTERO DI CLAUSURA DELLA VISITAZIONE DI SANTA MARIA

La chiesa secolare di San Pietro di Quinto sulla Antica Via Romana fu restaurata nell’Ottocento , utilizzando materiali antichi e presenta altari sontuosi e bei dipinti di S. Tagliafichi. Fu la sede iniziale dell’attività della Santa Paola Frassinetti.  A seguire accederemo al bel monastero di clausura della Visitazione di Santa Maria, altissimo centro di spiritualità, della regola di San Francesco Sales e Santa Giovanna Francesca di Chantal, dove saremo accolti da una  Madre.

IN TOSCANA: LA CERTOSA DI CALCI, SAN MINIATO E SAN PIERO A GRADO

La Certosa di Calci, vicino a Pisa,  sorge in un luogo di notevole valenza paesaggistica, un tempo detto la “Valle Graziosa”. E’ un grande complesso monastico fondato nel Trecento, articolato in più edifici, una chiesa e tre chiostri. Per l’ora di pranzo ci troveremo nel pittoresco borgo collinare di San Miniato “al Tedesco”, dove furono girate molte scene de “La notte di San Lorenzo” dei Fratelli Taviani. Nel medioevo fu sede amministrativa dei territori imperiali e vi soggiornarono molti imperatori tedeschi, fra cui il Barbarossa. Pranzo libero. Completerà l’escursione l’affascinante Chiesa di San Pietro a Grado, che fu  costruita alla metà dell’ XI secolo, su resti di una basilica del VI secolo, là dove la tradizione vuole sia approdato San Pietro, in viaggio dalla Sardegna (ciclo   di affreschi due-trecenteschi di Deodato Orlandi).

APRILE 2011

AFRICA DELLE MERAVIGLIE

Una esposizione estremamente ben allestita, che va visitata con interesse! Una grande occasione per intraprendere un “viaggio” affascinante in paesi lontani e avvicinare, con sguardo aperto e curioso, culture per molti di noi sconosciute.

MEDITERRANEO, DA COURBET A MONET A MATISSE

Vista la particolare organizzazione della mostra, le sale ci saranno illustrate da personale interno.

VERONA CLASSICA

Una escursione alla scoperta dei luoghi più affascinanti di Verona. Visiteremo il bel centro storico, con la Casa di Giulietta, le piazze  dei Signori, delle Erbe e Brà, le Arche Scaligere e le mura rinascimentali. Il nostro percorso includerà anche l‘Arena e la bellissima chiesa di  San Zeno, capolavoro dell’architettura romanica, con preziosissime opere, tra le quali un trittico di Andrea Mantegna. Il pranzo sarà libero in centro.

LA VILLA  DUCHESSA DI GALLIERA, IL TEATRO E LA MOSTRA DEDICATA A MARIA BRIGNOLE SALE

In occasione della mostra “Villa Duchessa di Galliera, tra giardini e boschi di fama europea” sarà possibile accedere alla bella residenza di Voltri e al teatro settecentesco, il più antico della Liguria, appena restaurato. Una passeggiata nel bellissimo parco storico completerà la visita.

MAGGIO 2011

FACOLTA’ DI ARCHITETTURA E “CASA PAGANINI”

Sul sito del primo abitato pre-romano, la Facoltà di Architettura si trova nell’affascinante complesso dell’ex  convento di San Silvestro, già costruito sul castello medievale del vescovo e trasformato dopo lo scempio  nel secondo conflitto mondiale. Un luogo di inaspettata bellezza, con  meravigliosi giardini pensili. Non lontano, accanto ai resti della Chiesa di Santa Maria in Passione, si trova l’ex Convento di N.S. delle Grazie la Nuova, oggi sede del centro di cultura musicale “Casa Paganini”: un edificio dove rintracciare resti che testimoniano l’evoluzione di Genova  nei suoi circa 2600 anni  di storia.

IL SANTUARIO DI OROPA, BIELLA E RICETTO DI CANDELO

Al mattino visiteremo il Santuario di Oropa, uno dei più antichi e famosi d’Italia e il suo Museo. E’ un insieme grandioso di edifici barocchi, con una scenografica prospettiva di piazzali, loggiati, scalee, situato nelle Prealpi Biellesi in una conca con boschi e prati. A seguire breve percorso attraverso alcune cappelle del bel Sacro Monte. Tempo libero per il pranzo a Biella e percorso guidato a Ricetto di Candelo, fantastico borgo fortificato, unico nel suo genere in Europa, sorto per la difesa e la conservazione di beni primari, quali vino e granaglie. Visita dell’Ecomuseo della Vitivinicoltura.

LA CHIESA DI S. MARIA DELLA CELLA E L’ANTICO ANGIPORTO DI SAMPIERDARENA

Dietro la facciata neoclassica, si svela un interno  di origine duecentesca, che dal secolo XV fu trasformato dai Doria in chiesa gentilizia. Si ammirano splendidi dipinti di L. Cambiaso, del Grechetto, di D. Fiasella e la famosissima Madonna dell’Ulivo di N. Barabino. Inaspettata, nel chiostro, la chiesina di Sant’Agostino, probabilmente dell’VIII secolo. Interessanti anche le opere conservate nel salone parrocchiale. Segue  una breve  passeggiata nell’antico angiporto di Sampierdarena, verso la Lanterna. Un percorso alla scoperta degli antichi cortili delle case dei pescatori del borgo, di belle palazzine déco o in stile parigino degli inizi del Novecento e dei luoghi dove è nato Nicolò Barabino, pittore simbolo dell’Ottocento postunitario.

CASTELLO D’ALBERTIS: IL MUSEO DELLE CULTURE DEL MONDO E “AFRICA DELLE MERAVIGLIE”

Lo straordinario castello in stile neogotico  che domina la città vale da solo una visita. In questo splendido contesto, sono esposte le

collezioni etnografiche, archeologiche e marinaresche. raccolte dal Capitano D’Albertis durante i suoi viaggi in America, Africa, Oceania ed Asia. Nelle sale saranno anche visibili diverse opere di arte africana che fanno parte della mostra (in due sezioni) “Africa delle Meraviglie”.

SABBIONETA, NAVIGAZIONE SUL LAGO SUPERIORE E SANTUARIO DELLE GRAZIE

Sabbioneta è la bella città “ideale” fatta costruire da Vespasiano Gonzaga secondo i canoni urbanistici rinascimentali, all’interno di mura a forma di stella. Assolutamente da vedere il Palazzo Ducale, il Palazzo Giardino e   il Teatro Olimpico, capolavoro di V. Scamozzi. Seguirà la navigazione sul Lago Superiore, il più grande tra i tre  “laghi” di Mantova, parte dell’assetto idraulico creato nel 1190, che regola tuttora il corso del fiume Mincio attorno alla città. Dopo il pranzo libero, visita al bellissimo Santuario delle Grazie, all’interno del Parco del Mincio, con un interessante interno, rivestito di logge lignee, con statue e gruppi devozionali cinque-secententeschi e il Mausoleo di B. Castiglione.

GENOVA SABAUDA E LA MOSTRA “ITALIA UNITA” ALL’ACCADEMIA LIGUSTICA DI BELLE ARTI

Piazza De Ferrari e Largo Pertini, con il Teatro Carlo Felice e il Palazzo dell’Accademia offrono uno sguardo sulla Genova del primo Ottocento, dopo l’annessione al Regno Sabaudo. Il bel monumento a Garibaldi di A. Rivalta segna l’accesso al Museo dell’Accademia. Qui ci soffermiamo nella visita alla suggestiva mostra “Italia Unita: Capolavori dell’Ottocento a Genova. Storia, società e costume nelle collezioni ottocentesche” con  opere che  testimoniano la ricerca sul paesaggio dal vero condotta dagli artisti più aggiornati, come T. Luxoro, E.  Rayper e Alfredo D’Andrade.

AL RIGHI CON LA FUNICOLARE: Passeggiata urbana attraverso creuse

Un itinerario che parte dalle panoramiche terrazze della funicolare del Righi, alla scoperta di tratti delle mura, della Porta delle Chiappe, della piccola Chiesa del Righi (possibilità di accesso da confermare). In discesa attraverso creuse giungeremo fino a Via Domenico Chiodo, alla chiesina di San  Bernardino e alla Torre omonima. Passeggiata attraverso creuse di circa 2 ore.

GIUGNO 2011

LA CONTEA DI VENTIMIGLIA: BRIGA E TENDA

Itinerario nella pittoresca valle Roja, dall’aspetto scabro e selvaggio. Pur essendo stata quasi totalmente annessa alla Francia nel 1860 e nel 1947, essa costituisce il naturale entroterra di Ventimiglia. Per lingua, tradizioni e architettura, conserva caratteristiche tipicamente liguri-ponentine.  Tenda (Tende) è un  pregevole esempio di villaggio alpino, sviluppatosi ad anfiteatro ai piedi dell’omonimo valico: si ammirano la chiesa dell’Assunzione, dallo stupendo portale, gli oratori dei Penitenti (esterno) e i resti delle fortificazioni medievali. Pranzo  in  ristorante. Nel pomeriggio visita di Briga (La Brigue), piccolo nucleo urbano nel cuore della valle Levenza, sorto a controllo d’importanti vie commerciali tra la Liguria e il Basso Piemonte. Passeggiando insieme lungo gli stretti “caré”, scopriamo varie case borghesi di origine medievale, decorate da bei portali istoriati e la notevole collegiata di San Martino, che racchiude al suo interno dipinti di epoca rinascimentale (tra i quali un’opera di Ludovico Brea da Nizza). Non lontano da Briga, la bella cappella  di Notre Dame des Fontaines, con dipinti del Canavesio.

DALLA COLLINA DI SAN MARTINO FINO ALLA TORRE DELL’AMORE: Passeggiata urbana attraverso creuse

Semplice e godibile percorso a partire dalla Chiesa di San Martino per  Via Puggia (lungo lo storico confine fra San Martino , la vallata dello Sturla e le colline albaresi) attraverso  le più belle creuse del signorile quartiere di Albaro. Si percorrerà l’antichissima e suggestiva via Camilla,  fino alla Torre dell’Amore, non lontano dall’incantevole  borgo di Boccadasse. Passeggiata in discesa della durata di circa 2 ore. Consigliate scarpe comode o da ginnastica!

I PALAZZI DI AGOSTINO E TOBIA PALLAVICINO IN STRADA NUOVA

Le magnifiche dimore del due fratelli Agostino e Tobia Pallavicino, mercanti di allume nella Genova delCinquecento. Splendide le sale affrescate, imperdibile la sala dorata, una Versaille in miniatura,  nella odierna Camera di Commercio.

LE CHIESE DEI SS. COSMA E DAMIANO E S. MARIA DI CASTELLO CON IL CONVENTO E IL SUO MUSEO

La piccola chiesa romanica dei SS. Cosma e Damiano, appena restaurata, è un vero gioiello del nostro centro storico. Si procederà con la visita del complesso conventuale dei Domenicani in Santa Maria di Castello: la chiesa, i chiostri, ma soprattutto il museo, bello e assai poco noto, con dipinti, sculture, ex-voto, reliquiari ecc.

PALAZZO CELESIA E LA CHIESA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

Un percorso attraverso la Genova dell’Ottocento e visita al Palazzo oggi sede del Provveditorato agli Studi.

SETTEMBRE 2011

IL SIGNORILE QUARTIERE DI CARIGNANO TRA CREUZE E BELVEDERE

I diversi volti del quartiere di Carignano, attraverso i belvedere di San Francesco d’Assisi e del Poggio della Giovine Italia, fino a quello della Villa Croce. Si vedrà l’esterno della Villa Mylius e si visiterà  la Chiesa del Sacro Cuore e San Giacomo, dall’elegante ed estroso gusto déco, con begli affreschi di Galileo Chini  e Mattia Traverso ed il curatissimo pavimento intarsiato con motivo a tappeto marocchino. Notevolissime le  tele di scuola genovese del 500 e 600. Appuntamento in Piazza Carignano alla fermata del bus. Contributo per la visita comprensivo della quota associativa € 8.00, soci € 6.00, la prenotazione sarà obbligatoria.

OTTOBRE 2011

IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI E PASSEGGIATA A SALO’

Il Vittoriale degli Italiani è il  complesso monumentale che fu residenza di Gabriele D’Annunzio dal 1921 al 1938, anno della sua morte. Si trova non lontano dalle sponde del Lago di Garda, a Gardone di Sopra. Alla mattina seguiremo una visita guidata agli spazi esterni, comprendenti  il teatro all’aperto (panorama), la ricostruzione del castello di prora della nave Puglia, il mausoleo del poeta, il Motoscafo Anti-Sommergibile (MAS) e l’Auditorium. Dopo il pranzo libero nella bella cittadina di Salò, visiteremo, divisi in piccoli gruppi, la straordinaria Prioria, abitazione di D’Annunzio pregna dello spirito del poeta. Possibile attesa prima di accedere all’interno.

L’ATELIER SIDOTI E GLI ANTICHI TELI “BLU DI GENOVA” DEL MUSEO DIOCESANO

L’Atelier Sidoti ci ospiterà per mostrarci i propri laboratori in Via San Lorenzo: un’occasione imperdibile per visitare i luoghi dove si progettano e si creano abiti di qualità, facendo tesoro di una esperienza decennale. Seguirà la visita della sezione del Museo  Diocesano dedicata agli straordinari teli di cotone blu di Genova dipinti con le storie della Passione nel XVI secolo.

IL NUOVO MUSEO NEL CONVENTO DEGLI AGOSTINIANI, LA CHIESA DELLA CONSOLAZIONE, IL MERCATO ORIENTALE

Nel Convento degli Agostiniani presso la  secentesca chiesa di N. S. della Consolazione, ha inaugurato da poco un piccolo interessante museo, con paramenti sacri e dipinti di pregio. Bellissimi anche il refettorio e l’interno della chiesa. Seguirà una breve passeggiata  negli spazi dell’antico chiostro, oggi occupati dal Mercato Orientale, uno dei luoghi più ricchi di colore di tutta la città.